SINFONIA (1984) - Banda Beni
50619
page,page-id-50619,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.6.1,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
Sinfonia_Fronte

BANDA BENI

LP, Ed. La strega Record

LATO A

1) Sinfonia (F. Vespa – M. Biggio)
2) Manager (F. Vespa – M. Biggio)
3) Ai Laviu (F. Vespa – M. Biggio)
4) Rivers of Pabillon’s (Trad. Ad. F. Vespa – M. Biggio)
5) Happu Scrittu (F. Vespa – M. Biggio – E. Chessa)

 

LATO B

1) Goppai Dessy ( Trad. Ad. F. Vespa – M. Biggio)
2) Su Cantu Sardu (F. Vespa – M. Biggio)
3) Piemontese (F. Vespa – M. Biggio)
4) Sinfonia (F. Vespa – M. Biggio)
TESTI
SINFONIA

‘Na matta ‘e perdusemini
in mezzo alla vigna del re
est’arta manna e longa
e tutti quanti la voglion verè
S’accostanta s’accuanta
po porri biri com’è
sa matta ‘e perdusemini
in mezzo alla vigna del re

 

Sa domu ‘e s’ingegneri
che sacrifici e che sudor
è posta a pizz’e monti
d’ari inventara per fare l’amor
Sa genti chi s’accostara
po porri biri com’è
li dicon Se ne vadi
l’ingegnere a casa non c’è

 

CUSTA è UNA SINFONIA

 

Sa denti ‘e su dottori
è tutta d’oro sai com’è
Deu fazzu su dentista
già che ti piace fallo anche te
Sa genti chi s’accostara
po porri biri com’è
sa denti ‘e su dottori
è tutt d’oro sai come l’è

 

Su feli de s’arriccu
trumentu mannu de notti e arredì
su magasinu è prenu
tottu sa genti du boliri bì
S’accostanta s’accuanta
po porri biri com’è
su magasinu è prenu
e medra scetti siguru no c’è

 

CUSTA è UNA SINFONIA

 

In artu in artu in fundu
nci bivi Unu non sai chi è
Divide pani e pesci
pappanta tottus’ non è come te
S’accostanta s’accuanta
po porri biri com’è
ma prima deppis morri
e sollo allora Io puoi verè

 

CUSTA è UNA SINFONIA

MANAGER

Arenotti deu not’happu bistu mai
de a mengianu deu no t’happu bistu mai
no ‘ci sesi de meigamma e de merì

 

Tui traballas carincunu no du scì
tui ti moris ma nisciunusu ti bì
‘nu fantasma chi nemmancu fairi arrì

 

No ses bellu ma ses artu custu sì
no ses furbu d’happu intendiu s’atra dì
ma ses bravu scovia tottu e fairi bì

 

Manager cussu sì yeh…

 

Mini Minor con sedile posterior
scappamentu chi s’intendi a Biddesor
‘Nu camuffu non è auto da signor

 

Stereo ernia carincunu t’ha battiau
su trumentu cussu d’ari provocau
poni menti tui sesi pindacciau

 

Pobirittu ‘moi ti deppinti operai
su dinai cussu no ti basta mai
è ‘nu discu chi po tui no accabba mai

 

Manager, cussu si…

AI LAVIU

T’happu nau ses callon
Cosa da non credere
Non restartene alone
ora non puoi cedere
Mullei tua si d’accuccara
ti segara su cu
Mullei tua ti segara su cu

 

Ca ti bolli du sciu
ma no du cumprendisi
Ti disigia du biu
la chi ti ‘ndi morisi
Calarindi -s- murandasa
e sciacquarì su cu
o sa facci chi è leggia che su cu

 

AI LAVIU DI DEPPIS NAI

 

Ma du scisi o callon
C’è dell’impossibile
Col sorriso sornion
e le mani gellide
Ti ses fattu chillometrus’
e ‘moi ‘ndu ses torrau
cun sa facci de proccu schironau

 

Mi vuol bene lo so
non ci posso credere
Gei du sciu son cretino
te lasciami a perdere
Io la vollio la amo
è essa tutto il mio amor
ma che cosa ne vuoi sapere di questo cuor

 

AI LAVIU LI DEVO DIR

 

T’hemmu nau ses’ callon
ma non ci vuoi credere
Castiarì su concon
corna vuoto a perdere
Mullei tua t’ha frigau
cun d’un’atra cumpangia
ti d’ha posta a paneri che tu eri via

RIVERS OF PABILLON'S

Bai chi arribbu a Pabillon’s
e mi nanta sit down
di nau cagei
ca m’arregordu s’aliga

 

Furriarì e canta cun mei e nara ti-ti
l’America è proprio qui
gei d’emmu fatta bella a mi nd’andai

 

Moi pappu fa baccalà
minestroni cun bror’ ‘e fa
benimindi Nuova York ba’ cagà

 

Ma si torru a Pabillon’s
e mi nanta sit down
di nau cagei
ca m’arregordu s’aliga

 

Incruarì e cicca mungetta impari a mimi
singhendi con mei this song
qui le lumache crescono a fulliarura

 

Deu pappu immoi ped’e boi
casu marzu friscu e baccalà
benimindi Nuova York ba’ cagà

 

Moi chi furriu a Pabillon’s
e mi nanta sit down
di nau cagei
ca m’arregordu s’aliga

HAPPU SCRITTU

Happu scrittu a su giornalli
una dì chi stemmu malli
callentura a gradi corant’otto

 

M’agattasta giustu giustu
cun is bocciasa arrevesciu
deu e tui tui e deu da solli

 

Naramì si tui d’agattas’ giustu
naramiddu allestru Srabaroi
no du fazzu po ‘nci pigai gustu
chistionendi ti du contu immoi

 

Sinnior Direttore ho scritto
guardi che m’agatta giustu
sezzasì e ascurti porcu mundu

 

Lei mi parla di progetti
già l’industria dà i suoi effetti
Calma caro tanto non aspetti

 

Abettendi seu tengu su bremi
No cumprendu custa situazioi
Direttore proviri a si spremi
lé chi deu no tengu occupazioi

 

Deu deppemmu scetti nasci arriccu
de siguru no m’hia nau ca no
nosus no pigaus’ mancu su biccu
de su pilloneddu bocciu immoi

 

Happu scrittu a su giornalli
m’hanti giai arrispostu malli
circasì assolu su chi boli

 

Che lo Stato non ci pensa
corbasì ‘na canna a lenza
sollo o con la mollie di presenza

 

Deu mi sezzu lungo il Mammarranca
a fai finta de piscai po tui
Prima o poi su mortu a peddi bianca
passerà ma non astessi tui

GOPPAI DESSY

Goppai Dessy Gommai Dessy
Goppai Dessy Gommai Dessy
a it’e logu seis’andendi
Goppai Dessy Gommai Dessy

 

Goppai Dessy boli pisciai
Goppai Dessy boli pisciai
e cumenzara a du fai
Goppai Dessy piscendu è giai

 

Gommai Dessy boli furriai
sa facci a s’atra parti ormai
no da pori prus furriai
Goppai Dessy pisciau ha giai

 

Goppai Dessy boli sciorai
bassinu in conca a passillai
si ‘ndè scaresciu de du sboriai
su cagalloni a facci é giai

 

Goppai Dessy Gommai Dessy
persone brave sì sì sì
E tui lassariddu nai
chi genti mala no fraga mai

 

Gommai Dessy è bella sì
ma no si sciacquara de areddì
puzza assai sai puzza assai
che no si lava mai mai mai

 

Goppai Dessy Gommai Dessy
tutt’e due in cielo sì sì sì
a cantar When the saints
Goppai Dessy Gommai Dessy

SU CANTU SARDU

Cussu chi cantu immoi
no d’anti nau
deu seu siguru chi
nasciu est innoi

 

No c’è romanu chi
d’happa inventau
cuntinentali o no
d’happa imprassau

 

Su cantu sardu deu
ti ollu imparai
una dì o s’atra tui
m’has’ ascurtai

 

T’has’a spantai du sciu
facili no è
ma si cumprendisi
sardu cun mei

 

Biva su sardu chi
nasciu est innoi
Biva su sardu chi
no aressi mai

 

Su chi no ascurtara
deppiri cantai
si no du fairi
deppiri ascurtai

 

Napoletanu tui
canta cun mei
su soli miu no c’è
scetti po tui

 

Ma no ti da pighisi
beni cun mei
cuntra currenti deu
bandu cun tui

PIEMONTESE

Sai mia cara non sono mica nato ieri
per sentirmi dire ciò che dici tu
i miei sono solo piccoli misteri
molto meno di quel che credevi tu

 

E poi torno con la mente a ripensare
quello che saresti tu senza di noi
Piemontese che vergogna a quell’epoca si sa
tu la mente noi le scarpe a lavorà
E mi chiedi perchè canto in italiano
e mi chiedi perchè canto oh oh oh
tu la mente noi le scarpe non dimenticarlo mai
Piemontese non dimenticarlo mai

 

La tua terra l’ho rivista proprio ieri
molto verde molta acqua e anche champagne
Non ho visto gli alberelli che ci avevi preso tu
ora son forse cresciuti molto più

 

Ti ricordi Quasi nulla ci hai lasciato
Ci hai rubato quasi tutto anche l’onor
Ora dici Sardignoli non avete iniziativa
per noi siete un grosso peso zavorra viva

 

E mi chiedi…

IMPARI A TUI

Che bentu a su merì
bollu deu puru sulai
che bentu a su merì
bollu sulai

 

Che pilloneddu ‘e niu
imparendu a bolai
che pilloneddu ‘e niu
bollu cantai

 

Cantendu impari a tui
m’intendu un atru deu
cantendu impari
m’intendu un atru deu

 

Sa luna bianca deu
hemm’a boll’imprassai
sa luna bianca deu
da salurai

 

Frori de campu seu
destinau a bruxiai
frori de campu seu
si mancas tui

 

Sa vida mia ses’ tui
su soli miu ses’ tui
deu comment’happu a fai
poi ti du nai

 

Che pilloneddu ‘e niu
impari a tui a bolai
che pilloneddu ‘e niu
cun tui cantai

 

Cantendu impari a tui
m’intendu un atru deu
cantendu impari
m’intendu un atru deu