SEGUNDU BANDA BENI (1982) - Banda Beni
50615
page,page-id-50615,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.6.1,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
Segundu_BandaBeni_fronte

SEGUNDU BANDA BENI

LP, Ed. La strega Record

LATO A

1) Cantu ‘e coru (F. Vespa – M. Biggio)
2) Da doo ron ron (Testo in sardo di M. Biggio)
3) A Vittorina (F. Vespa – M. Biggio)
4) Porcu (F. Vespa – M. Biggio)
5) Lamentu (F. Vespa – M. Biggio)

 

LATO B

1) Rock e poi mi crock (F. Vespa – M. Biggio)
2) Pipì e toto’ (Trad. Ad. F. Vespa – M. Biggio)
3) Pudescia (F. Vespa – M. Biggio)
4) Only Cu (Testo in sardo di M. Biggio)
5) Natali (F. Vespa – M. Biggio)
TESTI
CANTU 'E CORU

Bellu candu lompi su mengianu
candu su soli illumina sa die
Bellu poitta ti poris divertire
fora ‘e penzai a is frastimus de sa gente

 

Bellu candu po primu bisi mamma
urtimu soli de sa vida nostra
candu da bisi no deppis pensare
issa ti bolli scetti e scetti amare

 

Bellu è tottus’ a Deusu ringraziare
tottu su beni ch’Issu s’ha donau
sa terra s’acqua tottu in custu mundu
in cruxi propriu no deppiara andare

 

Nosus cantaus a tottusu de coru
sa festa de is istellas de su xelu
è festa cosa nostra cussa e tottu
besseusu in prazza a porri festeggiare

 

Bellu candu scurigara a merie
candu su soli accuara s’arrisu
cun is cumpangius porisi giogare
aintru de domu si fora c’è friusu

DA DOO RON RON

La mia motocicretta quando corre fa
DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON
Puoi correre velloce tanto lo so già
Ti batteron ron ti batteron

 

E che giorno è
e che malle c’è
non mi resisterai
ti vinceron ron DA DOON RON RON

 

Ti vedo sei lontano ma che cosa fai
DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON
cambi già la ruota io non buco mai
tui ses callon lon tui ses callon

 

Oh Gavino sai
tirati che oramai
sono già a Senorbì
due passi sollo da Tortollì

 

La mia motocicretta non ce la fa più
ha consumato i tacchi e c’ha la testa in giù

 

Dai Serena dai
tu che non ragli mai
la biada ti darò
lo so che tanto la mangerai

 

Siamo arrivati primi viva Tortollì
DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON
il giro di Sardegna si conclude qui
DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON

 

Sai Serena sai
tu non vincevi mai
te lo diciamo in cor
del tuo padrone tu sei l’amor

 

DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON
DA DOO RON RON RON DA DOO RON RON

A VITTORINA

Gei no ses ‘commenti Antioghedda
issa si da pigara a cantai
tui ses sempri prena de pinniccas
no si fai miga po nai

 

Tenis dexi chilusu de mancu
però pappas mera a mesudì
cun sa bucca mera pitticchedda
nu gioghittu bellu a bì

 

Pilusu ‘ndi tenis mera pagus
ci hai le gote bianche di papà
is ollieras leggias che su fogu
accommenti si farà

 

Tenisi una gobba a mesu schina
dove batte il sole a mezzodì
tante volte te l’avevo detto
filla mia curarì

 

Sa calligrafia no da connoscis
candu scrivi I love you fais arrì
ma si penzas mera fundis tottu
custu è bellu de si scì

 

Nci hai le gambe lunghe venti metri
il nasino un fiore di lillà
le manine bianche di bucato
suoneranno ‘do si fa

 

Ossusu ndi tenisi de bendi
candu arrisi fainti tric e trac
sesi tottu cantu molleggiara
ma che bella novità

PORCU

I’ve gotta fillusu
binti nd’happu fattu
I’ve gotta fillusu
binti mi nd’agattu
che non ero pastore ci avevo anche pecore in più

 

Vieni a trovarmi
terzo oville a destra
pregonta gioia
de porca ballestra
primogenita della brebei che amo di più

 

Beni a ‘nde mimmi
tengu casu marzu
mi manca s’ollu
ma tengu luxi a quarzu
nci ho le lampade a olliva che luce ne fanno di più

 

Però c’era un’atmosfera
in quell’oville stasera oh oh oh
parallume era l’olliva che candela non ce n’era oh oh oh
che non c’è altro ci mangiamo forza paris su paneri del porcon

 

Tu sei fellice
poddini alluppau
puru sa gattu
tui mi nci has pappau
in sa mesa sa coa ‘e su molenti mi nci asi lassau

 

Bairindi a domu
bruttu dillinquenti
porcu pappendi
brigungia de sa genti
barralliccu pudesciu de conca e di testa dementi

LAMENTU

Una vida de gallera quella che bivviamo noi
cum sa facci sempri a terra pascollando solo buoi

 

Seus chizzanus de mengianu così volliono di noi
trigariu però torniamo noi tre ananti e dietro i buoi

 

La villetta ce l’abbiamo sa barracca de babbai
quattru arrogusu de muru prima o poi ada crollai

 

Gli prendesse in conca a Peppi su buginu ‘e bidda noa
de dinai ‘ndi teni mera però accuara sa coa

 

Nosus no si lamentaus’
siamo nati per soffrir
razz’e soziedadi leggia
che ci lascia qui a morir

 

Siamo padri e non padroni figli venti ce ne abbiam
sono morti della fame però non li bastoniam

 

Candu ant’essi mattuccheddus che giustizia ci sarà
noi li manderemo a scuolla tutti per si diplomar

 

Tocca andausu a si corcai chi sa dì è po accabbai
Trabballai deppeusu mera su dinai è po spacciai

ROCK E POI MI CROCK

Bessu de trabballu po mi porri pasiai
torru a domu a lestu po mi porri corcai
Cecilia gei du sciri e cummenz’apparicciai
seu arribbendi immoi e mi deppu sciacquai
obergiu sa porta provaridd’a immaginai
sa dom’è pren’e genti e tottus bolinti rockai

 

Son più morto che vivo lo potete immaginar
mi ho tolto anche la tuta e non la smetto di sudar
ci ho ancora due bulloni che mi ha dato il direttor
e le li tiro in testa a chi mi balla il rock error
apro l’apposento per poter arrespirar
su logu è prenu e fumu no mi posso coricar

 

Comunque Rock rock e poi mi crock
com’è bello il rock
tanto poi mi crock
crock around the rock
rock e poi mi crock

 

Femmusu in dixiottu po si deppi spassiai
ci fia puru Cesira sa mulleri de goppai
deu portammu scetti mera gana de pappai
cun Cecilia bella crasi e tottu eusu arrangiai
le tolgo l’arrespiro se anche solo per error
domani me ne viene qui a ballare rock error

 

Cinque di mattina con la tuta a lavorar
ma il mio cervello dorme non la smette di sognar
ho ancora i due bulloni che mi ha dato il direttor
e le li rendo subito di lui ho un gran terror
Bravo Melis narara sai solo per error
se qualche dipendente qui mi balla il rock error

 

‘Ca ballestra Rock rock e poi mi crock
maledetto rock
sentimental rock
pugnollara ‘e rock
rock e poi mi stop!

PIPI' E TOTO'

T’ho visto lo sai Cici
t’ho visto eri proprio lì
facevi finta di nulla ma non è così
Faceva pipì
pipì o giù di lì…
ora le viollette no crescono più

 

Cicì perchè lo fai
Ma non ti ricordi mai
Mamma ti dice sempre prendi il vasin
Eh! Così non va
bagni qua e la
e la mamma asciuga tanto non parlerà

 

Ma ora che io lo so
babbo ti fa totò
basta con la pipì pure sotto il comò
eh! Così non va
bagni anche là
e la mamma asciuga e non deve parlar

 

No caro parlerò
e più non asciugherò
curva ogni giorno stanca sotto il comò
Che storia è Basta così
Pipì e totò
il culetto bianco
rosso ti farò

 

No babbo non lo faccio più
E anche se farò pupù
me la tengo tutt’addosso
e non parlerù
mi pulirù
mi cambierù e se avanza tempo
tutti vi bacerù

 

Sei brava lo sai Cici
io già lo sapevo si
ma avevo il dubbio
dell’umido del mio comò
Ma era pipì
pipì o giù di lì
ma non ci fa niente
tanto è bello così

PUDESCIA

Eh Eh Eh Giuannicca Giuannicca Giuannicca
un lamento nel vento che nc’è
i ricodri la giovenca la giumenta
la voce che hai te

 

la fordetta di cane fuggente
su profumu di fior di lillà
ses pudescia ses arrescia
i tuoi sintomi son tutti qua

 

Cun sa denti de su luziferru
prepotente che zio Belzebù
ses tostara arrevescia
ma ti penso ogni giorno di più

 

Ponirì ‘na mexina soave
che ricodri quel giorno che fu
eri tutta concordata
ma l’odore non mi è sceso giù

 

O bella morettina
me ga ti coiai
t’happu osservau in coxina
ingui no fragas mai
fasolu e cixiri come tu li vuoi
carote e pedringianu
sono i piatti tuoi oh no

 

Eh Giuannicca Giuannicca Giuannicca
uno spreco la vita che hai te
la tua aria la regalli
a chi è solo ragazzo di te

 

Lui profuma di notte e di giorno
itta fragu Antiogu che nc’hai
goppai miu si du nau
oh Giuannicca no ti sciacquas mai

 

Con tutti i detergenti
che ci abbiamo noi
la società li vende
anche per i buoi
lavata a striggiolla di ferro
tutto passerà
sarà la nostra gioia
e dell’umanità oh no

 

‘Moi se’ motta e la fossa ti accoglie
il lamento però non c’è più
resta sollo qualche verme
se ne fugge non ce la fa più
Soffoco

ONLI CU

Ohi su cu
cussu match mi d’ha segau
Ohi su cu
mi du intendu arrisigau

 

Ohi su cu quell’ippercut
chi m’ha fattu arrumbullai
bell’amigu su chi ‘e stettiu
fiara Lai

 

Caro Lai
punnigosi già ne dai
ma lo sai
che io non perdono mai

 

Deu ti pigu e ti strittollo
gancio destro e culo a mollo
proprio come mi facesti ad Hollywood

NATALI

Cun sa ricchesa de cussu preri
cun tottu s’oru de ziu Licheri
sempri sperendi chi sia carnevali beni o mali

 

Tengu ‘nu fiascu no tengu binu
tengu ‘na vida senz’e destinu
cun su trabballu chi no banda mali beni o mali

 

E tui abarra solu in custu mundu
tui no poris mancu chistionai
no ti permittas de frastimai

 

Crasi ande nosus é festa manna
ma de cantai manca sa gana
atturu assolu cun su giornali beni o mali

 

Arribba s’ora de fai s’inchinu
anant’e Deus Gesù pizzinnu
pari una beffa ma custu è Natali Beni o mali

 

Toccara propriu cambiai s’arrora
su tempu malu d’iara arrogara
deppeus torrai ass’originali beni o mali

 

Amori dolori trabballu e trumentu
tottusu arrinti e nisciunu é cuntentu
attura sempri chi fai su mali po Natali beni o mali